Crescere Insieme – Progetto Cremona


 

CREMONA TANTE REALTA’,

UN SOLO PROGETTO: CRESCERE INSIEME

Febbraio 2018 – Febbraio 2021

Le Associazioni Auser regionali della Lombardia, Toscana, Umbria e Basilicata, nell’ambito degli obiettivi del Bando Prima Infanzia 2016, dell’Impresa Sociale “Con I Bambini”, propongono di mettere in campo una nuova risorsa del volontariato, “i nonni sociali”, a disposizione della comunità e a sostegno dei genitori in  difficoltà per il contrasto alla povertà educativa. Nonni non solo per i propri nipoti, ma anche per chi i nonni non li ha, come i bambini di origine straniera o per chi viene da famiglie complicate.

I nonni da sempre svolgono un ruolo fondamentale di supporto e di aiuto nel welfare familiare. Sono un punto di riferimento affettivo, educativo con il loro bagaglio di esperienza e di memoria, sono un sostegno importate nella cura dei nipoti. Un lavoro faticoso ma gratificante. L’idea del progetto nasce proprio da qui. Il bando riguarda la fascia d’età 0-6 anni, una fase in cui l’apprendimento segna fortemente la vita futura.

L’ipotesi su cui si fonda la il progetto è che se si sostengono i genitori, anche attraverso iniziative formative/informative, il confronto e l’attivazione di servizi integrativi, probabilmente i loro bambini avranno maggiori opportunità di sviluppo ed apprendimento.

Tutti gli interventi saranno finalizzati ad integrare e sostenere bisogni e necessità che i nidi e le scuole materne attuali non sono in grado di soddisfare; questo in considerazione dei nuovi fenomeni migratori, della crisi economica e del radicale cambiamento dell’organizzazione e degli orari  di lavoro.

Nell’area di Cremona è stata scelta l’area dell’Unione Lombarda dei Comuni Fluvialis Civitas (Gerre de’ Caprioli, Pieve d’Olmi, San Daniele Po, Stagno Lombardo), dove non esistono servizi educativi per la primissima infanzia e conseguentemente le famiglie della zona, soprattutto quelle più fragili e prevalentemente straniere, vivono una situazione di difficoltà per mancanza dei servizi e di soluzioni adeguate ai bisogni delle famiglie.

Il progetto durerà 3 anni e tra gli elementi innovativi la valutazione dell’impatto sociale del progetto e del cambiamento che produrrà.

Per approfondimenti consultate il sito web e la pagina facebook del progetto.